MATILDE VICENZI RIACCENDE LA GRANDE STELLA IN PIAZZA BRA

  1. Iniziative
  2. Sponsorizzazioni
  3. Matilde vicenzi riaccende la grande stella in piazza bra

MATILDE VICENZI RIACCENDE LA GRANDE STELLA IN PIAZZA BRA

Matilde Vicenzi ha da sempre a cuore la sua città: Verona. Per sostenerla e dare a tutti la posibilità di continuare una tradizione ormai consolidata, anche nel 2016 ha sostenuto l'allestimento natalizio della Stella, che farà di Piazza Bra il luogo d’incontro preferito da grandi e piccini, giovani e famiglie, dove poter respirare tutta la magia e l’atmosfera di un caldo Natale.

Da 33 anni la grande stella d’acciaio bianco, la più grande archi-scultura del mondo progettata dall’architetto Rinaldo Olivieri su idea di Alfredo Troisi, porta avanti la tradizione delle festività natalizie, ricreando la stella cometa che emerge dall'Arena come un grande presepe.

Dentro L'Arena anche questanno infatti si tiene la Rassegna dei Presepi dal Mondo in Arena, che ogni anno, dal 27 novembre al 25 gennaio, fa vivere a tutti i visitatori il folklore di un Natale magico all’insegna dell’arte e della cultura.

Per Verona e i suoi cittadini rappresentano una tradizione significativa che regala, e mai come nel 2015, un segno positivo di fiducia, di gioia e serenità.

Come dice lo stesso Giuseppe Vicenzi, Presidente del Gruppo, “testimoniano un’importante vicinanza delle istituzioni alla città in un periodo non certo facile”. Nello stesso tempo, il respiro internazionale della Rassegna dei presepi in Arena, che l’ha fatta conoscere oltre confine, richiama ad ogni edizione tantissimi turisti di ogni nazionalità. 
Giuseppe Vicenzi, da sempre attivo nel sostenere e promuovere l’immagine della città scaligera, si dice “ orgoglioso di sostenere lo sforzo della Fondazione di Verona per l’Arena nel mettere a disposizione della città e dei turisti un’iniziativa di grande valore simbolico e culturale come la Rassegna dei Presepi dal Mondo in Arena e la grande stella in acciaio che ne è diventata l’ambasciatrice d’immagine nel mondo”.

SHARE ON: